lezione 3: 13 nov. LABOR. barriere architettoniche

Pagina 9 di 10 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente

Andare in basso

barriere architettoniche

Messaggio  caterina arena il Lun Nov 30, 2009 11:46 am

sicuramente il video mostrato in aula ci ha rese tutte molto più sensibili su questo argomento ...lo capisco dai vari interventi fatti dalle mie colleghe!!!.tutto ciò è sicuramente molto positivo.

caterina arena

Messaggi : 17
Data d'iscrizione : 04.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: lezione 3: 13 nov. LABOR. barriere architettoniche

Messaggio  Giorgia Cuomo il Lun Nov 30, 2009 1:10 pm

Riflettendo sul concetto di BARRIERE ARCHITETTONICHE,mi viene da pensare che spesso questo concetto tanto può essere elemento di disagio per un individuo tanto non costituisca ostacolo per un altro.Cioè , noi molte volte non vivendo in prima persona disagi da un punto di vista fisico non ci rendiamo realmente conto delle difficoltà delle persone che hanno di questi problemi ,tendendo così a sottovalutarli. Uno dei primi passi che si dovrebbe fare in questo senso ,sarebbe come prima cosa abbattere le barriere culturali ancor prima di quelle architettoniche con lo scopo così di aprire il nostro sguardo e promuovere un'integrazione sociale e di conseguenza anche ambientale.Inoltre bisognerebbe riguardare anche ad una pianificazione urbanistica, per creare così spazi ed edifici che favoriscano una vita indipendente e nello stesso tempo confortevole degli individui con difficoltà, nei vari settori.

Giorgia Cuomo

Messaggi : 10
Data d'iscrizione : 01.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

RE: Fattori barrieranti

Messaggio  alessia il Lun Nov 30, 2009 1:53 pm

Scusate il ritardo dell'intervento ma ho avuto problemi con il pc.

Dai videi visti in aula si può notare come la considerazione dei soggetti disabili è molto limitata, per non dire proprio assente. I fattori barrieranti presenti nelle grandi città raggiungono un numero molto elavato, e questo è un grande paradosso se solo si pensa al grado sviluppo delle città da un punto di vista tecnologico e industriale.
Quindi sono portata a dire che manca proprio una sensibilità ed una responsabilità morale, civile e soprattutto sociale.
" E' la società il grande fattore barrierante".
Anche nella mia città (Napoli) noto spesso che le macchine sono parcheggiate in modo da ostacolare il passaggio di una carrozzina. " E' il rispetto delle regole che viene a mancare!!!!!!!!!!"

alessia

Messaggi : 12
Data d'iscrizione : 06.11.09
Età : 32
Località : napoli

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: lezione 3: 13 nov. LABOR. barriere architettoniche

Messaggio  Ilaria.Scivoletto il Lun Nov 30, 2009 6:34 pm

volevo complimentarmi con Alessia...forse non poteva scegliere una foto migliore per esprimere il disagio!

Ilaria.Scivoletto

Messaggi : 8
Data d'iscrizione : 08.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: lezione 3: 13 nov. LABOR. barriere architettoniche

Messaggio  madda.dionisio86 il Lun Nov 30, 2009 6:48 pm

anke a me questo video sui fattori barrieranti ha colpito molto!sono d'accordo con la nostra collega Caterina che affrontando questa tematica ci ha rese più sensibili nei confronti di tale problema!se pensiamo alle attività che svolgiamo quotidianamente,anche il solo e semplice gesto di prendere un caffè al distributore,sono infinite le difficoltà che potrebbero incontrare i diversamente abili!quindi diciamo che la nostra città ,e non solo la nostra ma anche le altre grand citta,soprattutto metropolitane,andrebbro "riprogettate"!
avatar
madda.dionisio86

Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 05.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Barriere architettoniche

Messaggio  Benvenuto Tristana il Lun Nov 30, 2009 8:40 pm

Se mi trovassi su una carrozzella,credo che sarei veramente inca...ta col mondo!Ci sono 2 livelli sui quali riflettere:quello delle istituzioni e quello dei comportamenti individuali.Per quanto riguarda quest'ultimo,è chiaro che nel nostro paese l'atteggiamento dominante (e non sono nei riguardi della disabilità)è il menefreghismo che è anche atto di superbia da parte di chi,credendo di essere sovrano,è indifferente o addirittura nega l'altro e quindi non riesce a mettersi nei suoi panni...difatti la superbia esclude la possibilità dell'identificazione.Il grado di civiltà di un paese,invece,si manifesta proprio dalla cura e protezione che sa dare ai suoi cittadini più vulnerabili.Anni fa,trovandomi ad Amsterdam,mi pareva che ci fosse un numero di disabili di gran lunga superiore a tutti gli altri paesi che avevo visitato...semplicemente essi erano usciti,grazie alla centralità che avevano nelle politiche sociali,dall'invisibilità a cui invece le nostre città li condannano..In Olanda(paese storicamente tollerante e che segue i soui cittadini, TUTTI,nel corso della loro intera esistenza,provvedendo al loro benessere psicofisico per avviarli o recuperarli al lavoro e dove le minoranze etniche e religiose sono perfettamente integrate)ai disabili vengono GRATUITAMENTE assegnate case a piano terra,dotate di bagni e cucine omologati,forniti pasti caldi e addetti alle pulizie;tram e magazzini possiedono porte ampie da consentire il passaggio di carrozzelle,vengono predisposte zone per il ristoro...In Italia so che a Bologna sono a disposizione in alcune aree carrozzelle comunali...nella stazione ci sono scalini scandalosamente ripidi lungo i quali è arduo,per chiunque,trascinare persino una valigia (ma le FS non sono pertinenza del comune)..in ogni caso,una volta chiamati gli addetti ai servizi,ci si trova sul treno in pochi minuti

Benvenuto Tristana

Messaggi : 14
Data d'iscrizione : 06.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Pistorius

Messaggio  Benvenuto Tristana il Lun Nov 30, 2009 8:54 pm

Oscar Pistorius ha trasformato una mancanza in un punto di forza..non so se abbia lavorato su questo ma l'abito mentale dell'atleta,l'attitudine a mettersi in gioco,credo lo abbia aiutato..credo che nel suo caso vantaggi e svantaggi alla fine si compensino...ammiro profondamente una persona che con la ua caparbietà (per me resiliente è chi ha la "capa tosta"...)ha dimostrato che la forza psichica è più forte del destino (e che l'uomo sta bene quando è capace di forgiarlo...).Ho ascoltato una sua intervista e mi è parso un ragazzo molto sereno,divertente e divertito,uno spirito vincente...

Benvenuto Tristana

Messaggi : 14
Data d'iscrizione : 06.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: lezione 3: 13 nov. LABOR. barriere architettoniche

Messaggio  La Manna Rossella Anna il Lun Nov 30, 2009 9:06 pm

Il disabile, limitato nella capacità motoria, presenta esigenze del tutto simili a quelli degli altri cittadini. Perché siano soddisfatte sono richiesti gli stessi servizi che fanno parte del comune concetto di "qualità della vita". La presenza di "barriere architettoniche" tuttavia limita la fruizione di queste strutture, servizi o attività indispensabili ad una autonoma vita di relazione.
Le più comuni sono gradini, pendenze eccessive, porte strette, pavimentazioni sdrucciolevoli o sconnesse, accessori e complementi posti in punti eccessivamente alti, servizi igienici inaccessibili. L'abbattimento delle barriere architettoniche nei diversi settori della vita civile, pubblica e privata è previsto, e agevolato, da una vasta ed ormai consolidata legislazione, fatto, questo, che si traduce direttamente in una serie di obblighi e adempimenti per le Pubbliche amministrazioni e per gli altri attori sociali. L'esigenza è quella di affrontare il problema delle barriere architettoniche in modo complessivo e globale, perché il singolo intervento localizzato, seppur necessario, non risolve da solo i limiti di accessibilità.
Non esistono in assoluto barriere non superabili, tutte sono abbattibili .

La Manna Rossella Anna

Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 01.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: lezione 3: 13 nov. LABOR. barriere architettoniche

Messaggio  Martina.Meluccio il Lun Nov 30, 2009 10:58 pm

vedere questi video mi fa solo rabbia!! trovo allucinante il fatto che la condizione di un disabile venga aggravata da certe costruzioni ( marciapiedi senza scivolo, semafori senza segnali acustici, rampe di scale senza sali scendi, ecc...) e soprattutto da atteggiamenti sbagliatissimi di moltissime persone!! si è cosi! infatti la maggior parte degli ostacoli li crea la gente!
quante volte siete passati con il semaforo rosso?...e se fosse passato in quel momento un non vedente?
quante volte avete parcheggiato sulle strisce pedonali in assenza di altri posti liberi?.....e se dovesse passare una carrozzina, ma anche semplicemente il vecchietto con il bastone, o ancora più semplicemente una mamma con il passeggino???boh! e come ci passa?
quante volte avete lasciato in sosta la vostra auto nel parcheggio riservato ai disabili?"vabbè vuoi vedè che tra tanti posti per gli handicappati verrà proprio qua???" questa frase forse è molto ricorrente nelle menti delle persone!
è questo che inguai la nostra società: la strafottenza,non pensare agli altri! non penare che ogni nostra azione ha una ricaduta nelle nostre vite e in quelle altrui.
almeno noi che dedicheremo parte delle nostre giornate a bambini disabili, cerchiamo di fare attenzione a queste cose. basta veramente un pizzico di ATTENZIONE. cerchiamo di sensibilizzare anche le persone che conosciamo. facciamo notar loro tutti questi problemi che creamo ai disabili.
Martina
avatar
Martina.Meluccio

Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 20.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: lezione 3: 13 nov. LABOR. barriere architettoniche

Messaggio  Martina.Meluccio il Lun Nov 30, 2009 11:04 pm

Teresa Schettini ha scritto:Il peggior peccato per i nostri simili non è odiarli, ma essere indifferenti, insensibili.
Siamo sempre più distaccati, chiusi, apatici di fronte al mondo che bussa alla porta della nostra casa protetta ed isolata. L'indifferenza è la prima barriera da abbattere.

diciamo pure STRAFOTTENZA!!!a volte bisogna essre un po' duri nel parlare.
strafottenza= disinteresse, noncuranza.
questo per dire che sono d'accordo con te.
è la mentalità che deve cambiare e soprattutto dobbiamo conoscere per poter cambiare le cose!
ciao, Martina
avatar
Martina.Meluccio

Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 20.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: lezione 3: 13 nov. LABOR. barriere architettoniche

Messaggio  madda.dionisio86 il Lun Nov 30, 2009 11:24 pm

La problematica non deve essere pensata solo riguardo alle persone con difficoltà di deambulazione o con altri difetti fisici, ma a tutti coloro che anche per motivi di età o di eventi occasionali si trovano nelle condizioni di non poter usare una scala, un ingresso, una semplice maniglia, un interruttore, un ascensore, un servizio igienico. Queste ultime persone possono essere gli anziani, le donne incinte, i bambini, chi ha un arto ingessato ed altri. Spero che finalmente tutti diventino più sensibili a questa problematica che da molto tempo vede il coinvolgimento di tante persone.
avatar
madda.dionisio86

Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 05.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: lezione 3: 13 nov. LABOR. barriere architettoniche

Messaggio  Martina.Meluccio il Mar Dic 01, 2009 12:43 am

elisabetta cecoro ha scritto:è detta barriera architettonica quell’elemento che limita di spostarsi o accedere a qualcosa: esempi classici di barriera architettonica sono: scalini, porte strette, pendenze eccessive, spazi ridotti. Esistono innumerevoli casi di barriere meno evidenti, come parapetti "pieni", che impediscono la visibilità ad una persona in carrozzina o di bassa statura; banconi da bar troppo alti, sentieri di ghiaia o a fondo dissestato. Nel caso di persone non vedenti possono rappresentare casi di barriera architettonica anche semafori privi di segnalatore acustico od oggetti sporgenti.

e noi che vogliamo fare???
Martina
avatar
Martina.Meluccio

Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 20.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

lezione 3

Messaggio  rosaria zannini il Mar Dic 01, 2009 11:32 am

...sicuramente la nostra bella Italia non è al top per la questione "barriere architettoniche" ed anzi è molto lontano dal raggiungerlo. non c'è ahì noi una politica non solo attuale che si occupi di tali problemi, le città europee sono molto più avanti e in Italia le uniche volte che si muove un comune o un amministrazione in generale è solo per specifica richiesta da parte di chi il problema lo ha direttamente in casa.
dobbiamo noi tutti, a cominciare dallo Stato, ad avere una maggiore coscienza sociale e preoccuparci maggiormente di tali problemi. NOn si sa mai, un giorno potremmo comandare anche noi!!!!!!!!!!!!!!

rosaria zannini

Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 17.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

barriere architettoniche

Messaggio  adelina nardella il Mar Dic 01, 2009 11:44 am

Di barriere architettoniche si parla continuamente, oramai da anni, ma poche sono la soluzioni che si trovano per tale problema. Eppure la disabilità è un problema molto sentito nella società, solo che i costi in termini economici, per eliminare le barriere architettoniche siano abbastanza elevati, o forse c'è scarso impegno da parte politico amministrativo.Intanto la vita dei disabili continua ad essere ostacolata, per il resto sono solo parole........

adelina nardella

Messaggi : 12
Data d'iscrizione : 17.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

barriere architettoniche

Messaggio  elenaamendola il Mar Dic 01, 2009 11:11 pm

Ciao a tutti, in realtà ho già risposto a suo tempo a questo argomento, ma non trovo più la mia riflessione (chissa dove l'ho inserita?!). In ogni caso cercherò di riassumere il pensiero esposto, anche se l'immediatezza fa sì che meglio si ricordino certi particolari, io ero a conoscenza delle barriere architettoniche e dei disagi dei disabili perchè "fortunetemente" nella mia vita c'è mia cugina che è non vedente ed una cara amica che all'età di tredici anni è diventata tetraplegica dopo un incidente. Le barriere purtroppo sono tante, molto più di quelle esposte nei video perchè si inseriscono in tutti i campi anche in quelli dove sono state abolite, ma senza usare la testa, come quando creano delle pedane così ripide che non si possono percorrere comunque da soli o quando costituiscono dei parcheggi appositi ma nessuno li rispetta. Trovo tutto questo VERGOGNOSO ed ancor di più quando penso che siamo noi che rendiamo queste persone dipendenti e disabili. Mad
avatar
elenaamendola

Messaggi : 17
Data d'iscrizione : 03.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

barriere architettoniche

Messaggio  elenaamendola il Mar Dic 01, 2009 11:31 pm

Vorrei che nessuno dicesse che senza pensare tutti parcheggiano nei posti riservati ai disabili, io e tutte le persone che conosco bene non lo fanno e non sopporto tutti coloro che dietro la facciata TANTO LO FANNO TUTTI continuano a seguire la massa. Ho visto un servizio di striscia la notizia dove addirittura una preside si era rubata il posto di una sua alunna disabile e la cosa che ancor più mi ha sconvolto e che questa ragazza si è dovuta rivolgere alla tv per ottenere qualcosa. Vi allego il sito in cui visionarlo
https://www.youtube.com/watch?v=TZ0ob_VadH0
avatar
elenaamendola

Messaggi : 17
Data d'iscrizione : 03.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

barriere architettoniche

Messaggio  Francesca Tortorelli il Gio Dic 03, 2009 12:35 am

Dopo aver visto i video in aula ho riflettuto sulla fatica pratica e psicologica a cui è sottoposta la persona diversamente abile. Ho immediatamente immaginato la mia giornata tipo di come potesse essere svolta da un disabile e ho potuto subito notare le difficoltà alle quali si può andare incontro a partire dalle barriere architettoniche e al tempo che impiegano solo per raggiungere una metropolitana !!!
avatar
Francesca Tortorelli

Messaggi : 10
Data d'iscrizione : 06.11.09
Età : 31
Località : bacoli ( na)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

barriere architettoniche

Messaggio  teresa di domenico il Gio Dic 03, 2009 1:42 am

leggendo un pò i messaggi delle mie colleghe ho constatato che chi pù chi meno pensiamo la stessa cosa...a ciò aggiungerei ....noi viviamo in una città e aggiungerei anche società che lo stesso normodotato incontra barriere(mi ricollego ad un intervento fatto da una ragazza MARIA TAMBARO)...io sono sempre della stessa opinione...le barriere archittetoniche,sociali,relazionali ect nei confronti dei diversamente abili è favorita in buona parte dalla società in cui viviamo!!!! Mad

teresa di domenico

Messaggi : 13
Data d'iscrizione : 02.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Barriere architettoniche.

Messaggio  martinoanna il Ven Dic 04, 2009 1:04 pm

L' altro giorno alla Circunvesuviana del Centro direzionale pensavo che bello ci sono gli ascensori così chi ha problemi come i disabili posso prendere almeno un mezzo pubblico per spostarsi. Anche i nuovi treni sembrano attrezzati allo scopo, ma poi ho riflettuto sul fatto che non tutte le stazioni sono dotate di ascensori, rampe e quant'altro per cui un miglioramento delle barriere architettoniche in una zona non è sufficiente per facilitare la vita dei disabili. E' quindi necessario che i vari comuni inizino una campagna a favore delle barriere architettoniche, non solo a parole, ma effettiva.

martinoanna

Messaggi : 14
Data d'iscrizione : 14.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Barriere architettoniche

Messaggio  Angela Gemma Petrellese il Ven Dic 04, 2009 1:29 pm

Purtroppo su questo argomento ci sarebbe tanto e tanto da dire...ma chi vogliamo accusare per tutto quello che accade in Italia?La politica,l'inciviltà,l'arroganza,l'insensibilità,la non curanza delle persone normodotate che poco se ne importano delle difficoltà che può riscontrare un disabile nel camminare sui marciapiedi...tutto questo è vergognoso...si parla tanto di innovazione,cambiamento...ma per chi?Solo false speranze che illudono tutte quelle famiglie che vivono la disabilità!!!Mi auguro che cambiamenti radicali possano avvenire in un futuro non troppo lontano per garantire ai disabili una vita che seppur segnata sia quanto più possibile Serena!!! flower

Angela Gemma Petrellese

Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 03.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Barriere architettoniche

Messaggio  ILARIA IZZO il Dom Dic 06, 2009 8:32 pm

Nel nostro paese,l'esistenza dei "disabili",equivale,nella stragrande maggioranza dei casi,ad un calvario fatto di solitudine,angoscia e disperazione. Sono milioni i disabili esistenti nell'Italia disorganizzata ed indifferente di oggi,in cui,il progresso industriale,civile e culturale,sembra che sia riuscito a trovare soluzioni per tutto e per tutti,ma non ai problemi che ogni giorno demoralizzano quanti sono bloccati su una sedia a rotelle,principalmente le cosiddette "barriere architettoniche". Infatti,mi domando,come si può rimanere indifferenti alle sofferenze di queste persone? Lo fanno ogni giorno le istituzioni politiche,incapaci di fornire risposte ed interventi adeguati ai loro bisogni....
Un ripensamento complessivo di queste politiche potrebbe restituire a loro una vera autonomia. In ogni caso,io credo,che la società intera sia chiamata ad impegnarsi in questa operazione di riscatto dei soggetti diversamente abili,avendo chiaro,che non si tratta affatto di beneficenza,quanto di un importante recupero e valorizzazione di preziose risorse umane...

ILARIA IZZO

Messaggi : 16
Data d'iscrizione : 04.11.09
Età : 31
Località : parete

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

laboratorio 13 novembre

Messaggio  gilda cecoro il Mar Dic 08, 2009 4:15 pm

Non vorrei essere troppo forte e pesante con questa frase, ma è quello che penso: “l’handicap è una parte del mondo e non un mondo a parte”.
Purtroppo restano molti gli ostacoli:
 Fisici: barriere architettoniche;
 Culturali: falsi invalidi, che costringono gli invalidi a una vita separata.
avatar
gilda cecoro

Messaggi : 35
Data d'iscrizione : 14.11.09
Età : 34
Località : San Cipriano d'Aversa (CE)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

BARRIERE ARCHITETTONICHE

Messaggio  elisabetta cecoro il Mar Dic 08, 2009 4:24 pm

“Una bambina non può frequentare la scuola per l’assenza di assistenti specializzati”, è quanto accaduto a Padova. La protagonista di questa brutta favola è Emma una bambina affetta da atrofia muscolare spinale, una rara malattia genetica che causa l'atrofia l'indebolimento di tutti i muscoli, anche di quelli respiratori. Per frequentare la scuola la piccola necessita della presenza costante di un assistente formato in modo adeguato per affrontare eventuali emergenze respiratorie. Fino all'anno passato questo compito era stato affidato a un familiare debitamente addestrato. Quest'anno però la 'ASL 16 di Padova ha decretato che non può essere un familiare la persona preposta a questo compito, quindi ha fornito due operatori sociosanitari generici. Tali professionisti non sono sufficientemente specializzati, pertanto la mamma della bimba non si fida e preferisce tenere la figlia a casa. Allora mi chiedo quali sono le barriere architettoniche: fisiche o culturali da abbattere?
avatar
elisabetta cecoro

Messaggi : 28
Data d'iscrizione : 14.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

BARRIERE ARCHITETTONICHE

Messaggio  Loreto Veronica Valeria il Mar Dic 08, 2009 4:45 pm

Le pedane per disabili dei mezzi pubblici non funzionano. È una cosa assurda in quanto si tratta di servizi pubblici che dovrebbero garantire il diritto di tutti nessuno escluso. Allora mi chiedo, quali diritti vengono rispettati per le persone diversamente abili? Quali offerte vengono date? Quali agevolazioni? Su questo la società deve rispondere concretamente … invece di correre dietro a vanità e mode temporanee …
avatar
Loreto Veronica Valeria

Messaggi : 29
Data d'iscrizione : 30.10.09
Età : 34
Località : Afragola(na)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: lezione 3: 13 nov. LABOR. barriere architettoniche

Messaggio  Cillo Nadia il Ven Dic 11, 2009 12:54 pm

elisabetta cecoro ha scritto:“Una bambina non può frequentare la scuola per l’assenza di assistenti specializzati”, è quanto accaduto a Padova. La protagonista di questa brutta favola è Emma una bambina affetta da atrofia muscolare spinale, una rara malattia genetica che causa l'atrofia l'indebolimento di tutti i muscoli, anche di quelli respiratori. Per frequentare la scuola la piccola necessita della presenza costante di un assistente formato in modo adeguato per affrontare eventuali emergenze respiratorie. Fino all'anno passato questo compito era stato affidato a un familiare debitamente addestrato. Quest'anno però la 'ASL 16 di Padova ha decretato che non può essere un familiare la persona preposta a questo compito, quindi ha fornito due operatori sociosanitari generici. Tali professionisti non sono sufficientemente specializzati, pertanto la mamma della bimba non si fida e preferisce tenere la figlia a casa. Allora mi chiedo quali sono le barriere architettoniche: fisiche o culturali da abbattere?

Ciao Elisabetta!...è davvero uno sdegno!...Leggere ancora diversi casi così, oggigiorno, fa davvero cadere le braccia! Immagino, da mamma, quale anch'io sono, come possa sentirsi questa donna, che non ha più la possibilità di poter fare almeno affidamento (tranquillo!)su qualcuno, ma neppure su queste persone che hanno una preparazione generica, che non è giustamente sufficiente per il caso in questione....fa bene la mamma che, non sentendosi tranquilla, preferisce, alla fine, tenersi la bambina in casa, ma non mi sembra corretto per la piccola che, come tutti i suoi coetanei, ha diritto di vivere la sua vita a 360°!....che indignazione! Evil or Very Mad

Cillo Nadia

Messaggi : 40
Data d'iscrizione : 05.11.09
Località : FORMIA (LT)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: lezione 3: 13 nov. LABOR. barriere architettoniche

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 9 di 10 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum