lezione 1: ven. 30 ottobre II lab. (tema: PISTORIUS)

Pagina 2 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Andare in basso

PROTESI DI PISTORIUS: VANTAGGIO O SVANTAGGIO?

75% 75% 
[ 46 ]
25% 25% 
[ 15 ]
 
Voti totali : 61

il punto della giornata

Messaggio  simona romano il Dom Nov 01, 2009 6:52 pm

Ciao ragazze/i, scusate il ritardo...
come ci ha detto la Briganti a lezione, per ogni nostro incontro preparerò un "sunto" che possa essere un modo per gli assenti di recuperare le questioni affrontate, per i presenti di riepilogare quanto ascoltato o detto, per tutti come trampolino di riflessione. Quindi, se siete "costrette/i" all'assenza, no panic!


1. visione filmato su Pistorius e riflessione personale.
2. le nuove teconologie: le protesi. Considerate un grande mezzo di vantaggio personale, un'opportunità per ricominciare od iniziare a vivere, per rimettersi in carreggiata e "correre" alla pari, per sentirsi liberi dalle catene del "non si può fare". Le protesi più avanzate, però, sono un'opportunità per pochi, visti i costi elevati da sostenere per dotarsene (un es. sono le protesi sportive che indossa P.) ma in Sud Africa si sta lavorando su protesi low cost di ottimo livello. Come garantire le vere pari opportunità?
3. il sogno di Pistorius: correre, la cosa più difficile per lui (sportivo impegnato anche in molte altre discipline) ed il suo "problema". Ciascuno di noi, come P. insegue spesso la realizzazione di quanto risulta essere più complicato, ma nel contempo più stimolante ed affascinante, una sfida personale che vale la propria realizzazione.
4. il soggetto che nasce con un determinato carattere psico-fisico disabilitante è avvantaggiata nell'affrontare la sua realtà quotidiana, psicologicamente, socialemente e fisicamente rispetto a chi si ritrova nella stessa condizione improvvisamente?
5. cos'è la normalità? cosa ci porta a sostenere che una persona è "normale"? spesso l'elemento discriminante nasce da chi cerca di porre i paletti della presunta normalità inquadrando l'altro da riconoscere.
6. importantissimo il focus riflessivo sulle potenzialità, espresse ed inespresse di ciascuno.
7. lo sport come corsia preferenziale della resilienza (capacità dell'uomo di affrontare e superare le avversità della vita, in questo caso provocate dalla disabilità della vita).
8. la stessa disabilità è vissuta in modo completamente diverso anche da persone molto vicine tra loro (come un padre ed una madre): importanza del carattere, della sensibilità e del contesto di ciascuno.
9. il benessere di ognuno è necessariamente legato alla capacità di dimostrare agli altri od a sè stessi di "potere" o di "essere capaci" in qualcosa? oppure è semlicemente una questione propriocettiva legata al "come ci si sente con sè stessi e con il mondo"?
10. il caso di Gennaro Morra.
11. il caso di Simona Atzori: ballerina e pittrice, nata senza braccia ma con una gran voglia di "volare".
12. partire dall'analisi, dalla riflessione su e dal confronto con la disabilità per migliorarsi, apprezzarsi e riconoscersi.
13. il caso P. come caso di un uomo comune: quando la normalità non basta (camminare e correre) e si desidera l'eccellenza (correre ancora più veloce).
14. disabile e diverso: riflessione.
15. paraolimpiadi ed olimpiadi: P. come soggetto discriminante e discriminato.
16. l'importanza ed il ruolo della famiglia nelle disabilità.
17. la resilienza come dono.

simona romano

Messaggi : 12
Data d'iscrizione : 24.10.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Oscar Pistorius - PROTESI: VANTAGGIO O SVANTAGGIO?

Messaggio  Maria Angela Amato il Dom Nov 01, 2009 7:28 pm

Salve sono Mariangela.. e solo ora mi sono potuta iscrivere al forum.. Smile
Venerdi a lezione ciò che mi ha colpito di Pistorius è stato il fatto che lui è un "Grande" in un'attività (la corsa), nonostante gli manchi il meglio di quella stessa attività, le gambe!! Lui nn avrebbe mai potuto realizzare la vittoria se nn avesse avuto un sogno, ossia quello di provarci a tutti i costi e riuscirci anche poi; bellissime le sue parole, a tal proposito!! Lui ha raggiunto il suo obiettivo e con lui, (come leggevo nel post della prof. dal corriere.it), davvero nn c'è più o nn ci dovrebbe più essere, si spera, la distanza tra normodotati e disabili. Ed è verissimo: è la società che impone le distanze; nello specifico io penso semplicemente che le protesi per lui nn sono nè uno svantaggio, nè un vantaggio, in quanto è la sua volontà che si è imposta su tutto e su tutti.
Propio per questo voglio aggiungere una cosa: non è che P. nn abbia mai accettato la sua disabilità, e perciò ha combattuto tanto per essere "riconosciuto come normale"?


Ultima modifica di Maria Angela Amato il Lun Nov 02, 2009 9:53 am, modificato 1 volta

Maria Angela Amato

Messaggi : 30
Data d'iscrizione : 01.11.09
Età : 33

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

PRIMO LABORATORIO 30/10/2009

Messaggio  LauraGervasio il Dom Nov 01, 2009 7:46 pm

CHE GRANDE ESMPIO DI RESILIENZA!!! cheers
avatar
LauraGervasio

Messaggi : 17
Data d'iscrizione : 01.11.09
Età : 35
Località : Giugliano in Campania

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: lezione 1: ven. 30 ottobre II lab. (tema: PISTORIUS)

Messaggio  minieri fortuna il Dom Nov 01, 2009 8:06 pm

Buonasera a tutti...sono Fortuna,io purtroppo ero assente venerdì scorso e quindi non ho preso visione del film però dalla lettura dei vostri commenti credo che sia stato molto "toccante"....anche se è come se avessi avuto l'impressione di uno "scontro" tra il mondo dei normodotati e quello dei disabili ...quasi come una "battaglia "al fine di dimostrare chi è il più forte..MA SE NOI PIù VOLTE ANCHE NEGLI ALTRI CORSI DI DIDATTICA AGGIUNTIVA ABBIAMO DETTO CHE LA NORMALITà NON ESISTE ....Cioè normale rispetto a chi, a cosa?....allora che senso ha tutto questo?
avatar
minieri fortuna

Messaggi : 18
Data d'iscrizione : 01.11.09
Età : 36
Località : Cercola (NA)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

laboratorio 30-10-2009

Messaggio  giovanna montanino il Dom Nov 01, 2009 8:19 pm

ciao in merito al video di pistorius ho visto un ragazzo che aveva un obiettivo e che voleva realizzarlo la tecnologia lo ha aiutato, la sua forza d'animo lo ha sostenuto.
in aula sono venute fuori parole come marginalità, normalità, diversità e disabilità.Per quanto riguarda la diversità per me è ciò che si discosta dalla presunta normalità, disabilità e la menomazione fisica e non.

giovanna montanino

Messaggi : 20
Data d'iscrizione : 01.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: lezione 1: ven. 30 ottobre II lab. (tema: PISTORIUS)

Messaggio  giuseppina.papa il Lun Nov 02, 2009 11:33 am

Buongiorno a tutti.
In aula guardando il video di Pistorius feci un intervento in cui mi chiesi da dove nascono i sogni.Risposi: "forse dal desiderio di riuscire in ciò che risulta difficile se non impossibile".Se questa affermazione è esatta sono disabili tutti quelli che hanno dei sogni e purtroppo non sempre la tecnologia può aiutarci.La vita acquista un significato diverso quando si accettano sfide e si tenta di superare se stessi perciò è importante riconoscere i propri limiti non per accettarli,bensì per fare il possibile per superarli,non è necessario vincere ma sapere che non era possibile fare di più.Quindi ben vengano le tecnologie,ma chi non può permettersele non per questo deve considerarsi sconfitto perchè il punto d'arrivo va sempre visto in relazione col punto di partenza.
A proposito delle persone "disabili" penso vada fatta una netta distinzione tra chi acquisisce una patologia da adulto (deve riadattarsi alla vita e soffrirà perchè si sentirà diverso,non più come prima,gli mancherà qualcosa) e chi nasce con una patologia o l'acquisisce da piccolissimo (la plasticità del cervello fa si che si adatti alla vita sviluppando abilità particolari e vivrebbe tranquillamente la sua normalità se altri non gli imporrebbero la propria.
avatar
giuseppina.papa

Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 01.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: lezione 1: ven. 30 ottobre II lab. (tema: PISTORIUS)

Messaggio  clementina.napolitano il Lun Nov 02, 2009 12:07 pm

Buongiorno a tutti.
Per quanto riguarda Pistorius penso che le tecnologie sono importanti,ma più di esse è necessaria la voglia di chiedere a se stessi sempre di più,caratteristica questa che dovrebbe essere comune all'uomo in quanto tale e non in quanto "disabile". Il fatto poi che per un "disabile" una determinata tecnologia risulti indisprensabile e all'uomo "normale" superflua lo fa essere una persona "diversa" e non "disabile",infatti Pistorius in gara è stato definito "super-abile".
avatar
clementina.napolitano

Messaggi : 10
Data d'iscrizione : 01.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

PRIMO LABORATORIO, venerdì 30/10/2009

Messaggio  AlessiaDiFraia il Lun Nov 02, 2009 2:01 pm

Buongiorno a tutti, sono Alessia!! Venerdì in aula ci è stato presentato il video di Oscar Pistorius, un uomo dotato di una notevole forza d'animo, che, grazie alle protesi in fibre di carbonio, ma soprattutto alla sua grande forza di volontà, è riuscito a raggiungere il suo sogno.. gareggiare insieme a dei normodotati!! La discussione tenuta in aula mi ha fatto ripensare ad una frase letta qualche giorno fa da internet in riferimento alle persone disabili:

"Questi bambini nascono due volte:
- devono imparare a muoversi in un mondo che la prima nascita ha reso più difficile.
- la seconda dipende da voi, da quello che saprete dare!!!

E allora Noi cosa sappiamo dare a loro????
Sicuramente Pistorius Ha avuto tanto!!!Ha avuto una famiglia alle spalle che gli ha permesso di sentirsi al pari degli altri, di poter gareggiare con gli altri grazie al sostegno delle protesi alle fibre di carbonio, le quali si sono rivelate sicuramente un gran VANTAGGIO affinchè raggiungesse il proprio sogno... ma non è sempre così, non tutti possono avere il privilegio di Pistorius... infatti quante persone che dalla prima vita hanno visto sottrarsi gli arti, dalla seconda non hanno ricevuto nè la possibilità di sognare,nè di camminare, correre... nè una famiglia che li abbia potuto appoggiare... quindi la domanda che io mi pongo non è se Pistorius abbia avuto o meno un vantaggio dalle sue potesi, perchè per me la risposta è ovvia...ma ...
Perchè tutti disabili non possono avere il privilegio avuto da Pistorius???

avatar
AlessiaDiFraia

Messaggi : 20
Data d'iscrizione : 01.11.09
Età : 31
Località : marcianise

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: lezione 1: ven. 30 ottobre II lab. (tema: PISTORIUS)

Messaggio  Maria Tambaro il Lun Nov 02, 2009 4:15 pm

Ciao a tutte...In aula ho parlato dell'ermafrodite,discostandomi dall'argomento riguardante le protesi... Il mio era un discorso di discriminazione che sia positiva o negativa, sempre discriminante è...
Per quanto riguarda l'argomento trattato in aula, credo che sia molto importante la "resilienza", anche se Pistorius è partito avvantaggiato economicamente poichè le protesi sono molto costose, io credo che lui abbia una spinta in più... una grinta e forza d'animo che i cosidetti "normali" dimenticano di avere, e lasciano tutto al destino senza nemmeno provare a lottare. Della disabilità egli è riuscito a farne il suo punto di forza... Quante persone avrebbero fatto lo stesso?

Maria Tambaro

Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 02.11.09
Località : Villaricca

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

1 GRANDE ATLETA!!!

Messaggio  teresa di domenico il Lun Nov 02, 2009 4:44 pm

Venerdì in aula si è affrontato l'argomento su Pistorius,con un bel dibattito ,dove ognuno di noi ha esposto le proprie idee,pensieri....
Per quanto riguarda me ....vedendo il video ,subito mi è balzato alla mente che Pistorius fu escluso dalle olimpiadi di Pechino ,perchè le sue due protesi in fibra di carbonio gli recavano un vantaggio sugli altri.
Riflettiamo su questa cosa.... nel momento in cui viene escluso dalla"Federazione Internazionale di atletica leggere" dalle gare olimpioniche a causa del motivo che prima ho scritto,come si è sentito ???secondo me,anche per un solo attimo ,si è sentito svantaggiato,diverso dagli altri atleti,con un handicap che nn gli permetteva di ralizzare un suo sogno "correre".Allora torniamo sempre al solito discorso...il problema è la società in cui viviamo che limita queste persone,facendole sentire emarginati!!!una società costruita su misura dei normodotati!!! Sad

teresa di domenico

Messaggi : 13
Data d'iscrizione : 02.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

PRIMO LABORATORIO VENERDI 30 OTTOBRE 2009 (LEZIONE 1)

Messaggio  ESPOSITO ROSA il Lun Nov 02, 2009 5:30 pm

ciao a tutti. Rispondo in merito al laboratorio di venerdi.A mio parere bisogna considerare Pistorius come un grande uomo dotato di una grande forza d'animo, ma anche come un grande atleta che,nonostante problemi fisici, vola verso il suo obiettivo sostenuto dalla grande passione per lo sport.
avatar
ESPOSITO ROSA

Messaggi : 12
Data d'iscrizione : 01.11.09
Età : 36
Località : Massa di Somma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: lezione 1: ven. 30 ottobre II lab. (tema: PISTORIUS)

Messaggio  valentina addesso il Lun Nov 02, 2009 9:08 pm

ANCHE PER ME LA VISIONE DEL VIDEO SULL'ATLETA CHE CORRE SERVENDOSI DELL'USO DELLE PROTESI HA SUSCITATO MOTIVO DI GRANDE RIFLESSIONE. QUEST'ATLETA DIMOSTRA CHE è POSSIBILE SUPERARE I PROPRI "LIMITI" AFFRONTANDOLI! QUESTE DIFFICOLTà VANNO AFFRONTATE NON SOLO CON CORAGGIO, CAPARBIETà NEI CONFRONTI DI SE STESSI, MA ANCHE NEL RISCONTRO CON LA SOCIETà, CHE TROPPO SPESSO HA PAURA E PREFERISCE "ETICHETTARE" LE PERSONE DIVERSAMENTE ABILI!

valentina addesso

Messaggi : 17
Data d'iscrizione : 02.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

OSCAR PISTORIUS

Messaggio  antonietta.picascia il Lun Nov 02, 2009 10:10 pm

[b]oscar pistorius è un giovane atleta sudafricano che fin dalla nascita convive con due protesi alle gambe!La corsa sembrava a lui preclusa e invece ha dimostrato a tutto il mondo che attraverso un duro lavoro si può raggiungere qualsiasi obiettivo.Avrebbe potuto dedicarsi a qualsiasi professione e invece ha scelto di fare il corridore.In un' intervista fatta a "IL MATTINO DI PADOVA"l atleta dichiara:"PER ME CORRERE è VITA.HO BISOGNO DI CORRERE".Credo che sia opportuno riflettere sul senso di queste frasi.Leggendo l' intervista ho notato che per l' atleta la sua diversabilità non rappresenta un limite,bensì una sfida da vincere per se stesso e per la società in cui vive.E' la società che attraverso i suoi modelli socio culturali pone fattori barrieranti e discriminanti nei confronti dell' ALTRO.Già nel momento in cui la società identifica tali soggetti come disabili compie una discriminazione!Per questo motivo ritengo che al concetto di disabilità vada sostituito quello di diversabilità che miri alla valorizzazione delle performances piuttosto che all' individuazione della causa di un deficit biologico!Solo in questo modo potremo realizzare e costruire un mondo migliore.

antonietta.picascia

Messaggi : 10
Data d'iscrizione : 02.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

I° laboratorio 30 ottobre

Messaggio  Lucia D'Auria il Mar Nov 03, 2009 11:00 am

flower ciao sono Lucia D'Auria...saluto e ringrazio tutte le mie colleghe per il loro contributo , è bello condividere pensieri e riflessioni arricchiscono non solo da un punto di vista culturale, ma anche umano. condivido tutti i vostri interventi, al di la di tutte le polemiche se le protesi di Pistorius fossero vantaggiose o meno, dal mio punto di vista ritengo che alla base ci deve essere una grande forza di VOLONTA' quate volte noi " normodotati" ci arrendiamo di fronte alle normali sfide della vita? Per me Pistorius è un grande esempio di vita sfida non solo la sua disabilità ma la voglia di guardare oltre....

Lucia D'Auria

Messaggi : 18
Data d'iscrizione : 02.11.09
Età : 52
Località : Eboli (SA)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: lezione 1: ven. 30 ottobre II lab. (tema: PISTORIUS)

Messaggio  vastarella.fiomena il Mar Nov 03, 2009 12:47 pm

buongiorno superate le mie difficoltà col pc rieso a scrivere 2 parole. Da oscar c'è tanto da imparare per me lui e una persona che dopo tanti problmi è riuscito ad accettare totalmente la sua menomazione e ha fatto di cio un punto di forza . Tutto quesslo che ha fatto secondo me l'ha fatto semplicemente per dimostrare a se stesso quanto vale anche senza una parte delle gambe , si è messo in gioco e ha dimostrato a se stesso che vale piu di un normodotato . Noi "NORMALI" dobbiamo solo fare tesoro della sua forza di volonta ed imparare un po meno a lamentarci della banalità ed affrontare la vita con piu serenità cheers

vastarella.fiomena

Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 03.11.09
Età : 33
Località : Marano di Napoli

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Oscar Pistorius

Messaggio  Elvira Rosa Romano il Mar Nov 03, 2009 2:17 pm

Ciao a tutti, sono Elvira.
In seguito alla visione dei filmati su Pistorius ho proposto una lettura diversa della sua escusione dai Giochi Olimpici. Probabilmente essa poteva essere interpretata anche come affermazione/espressione dell'uguaglianza tra Pistorius e gli altri atleti: se davvero le protesi apportavano un vantaggio al giovane sudamericano, non era giusto riservagli un trattamento diverso in virtù della sua disabilità. E non era giusto nè per gli altri nè per lui. Un'eventuale "compassione" sarebbe stata emblema di ulteriore discriminazione nei suoi confronti.
Ovviamente condivido con i colleghi e le colleghe una grande ammirazione per la forza di volontà e la determinazione di un ragazzo che ha saputo reagire in maniera encomiabile alla sua disabilità, trasformandola in grande abilità.
avatar
Elvira Rosa Romano

Messaggi : 16
Data d'iscrizione : 03.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Laboratorio del 30novembre2009

Messaggio  Angela Gemma Petrellese il Mar Nov 03, 2009 6:58 pm

In merito alla visione del filmato su Oscar Pistorius immediatamente ho riflettuto sulla questione che è stata posta da subito:PROTESI.VANTAGGIO O SVANTAGGIO?Mi sono soffermata più sulla questione scientifica che emergeva dal video poichè le cose che hanno destato la mia attenzione ed il mio interesse sono state le immagini a rallentatore e i momenti salienti delle gare.Secondo il mio punto di vista nonostante l'atleta utilizzi protesi in fibra di carbonio(inizialmente ritenute un vantaggio meccanico dimostrabile dalla IAFF) non è avvantaggiato rispetto a nessuno ma che a differenza dei normodotati incontri piccole difficoltà nel momento in cui correndo si presenti una curva da superare.Quindi ciò che aiuta Pistorius a vincere in ogni competizione è la forza che l'ho ha spinto ad iniziare questo difficile percorso,a lottare duramente per inseguire i propri sogni e dire:"Anche io ce la posso fare!",forza quindi non soltanto delle sue"gambe".

Angela Gemma Petrellese

Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 03.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: lezione 1: ven. 30 ottobre II lab. (tema: PISTORIUS)

Messaggio  cimmelli mariangela il Mar Nov 03, 2009 7:06 pm

Pistorius è uno che non si è mai perso d'animo, bisognerebbe premiarlo solo per questo. E' giusto che partecipi alle prossime olimpiadi, in quanto può dare una speranza a chi come lui non ha avuto la fortuna di nascere normodotato. Io ho conosciuto molte persone che fanno uso di questi arti in carbonio, sono tutte persone splendide che meritano di gareggiare a fiancodi persone normodotate, se non altro per i loro sforzi, per le ore che passano ad allenarsi,ad accettare la loro differenza.
avatar
cimmelli mariangela

Messaggi : 16
Data d'iscrizione : 03.11.09
Età : 41
Località : giugliano in campania

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

da MANCO MARIANGELA

Messaggio  Admin il Mar Nov 03, 2009 8:16 pm

oscar pistorius
MANCO MARIANGELA Oggi a 19:00

.Anche se con ritardo volevo esprimere il mio pensiero su Oscar Pistorius,un uomo che ha superato con la forza di volonta' e con il coraggio le mille difficolta'dovute alla sua disabilita' diventando un campione sportivo.Credo che rappresenti per tutti noi un esempio a non arrendersi mai!.
MANCO MARIANGELA
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 64
Data d'iscrizione : 22.10.09
Età : 44
Località : NAPOLI

Visualizza il profilo http://brigantilab2009.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: lezione 1: ven. 30 ottobre II lab. (tema: PISTORIUS)

Messaggio  lorvenni maria giuseppa il Mar Nov 03, 2009 9:04 pm

Guardando il video su Oscar Pistorius, non ho visto un uomo in difficoltà, ma soltanto una persona che inseguiva il suo sogno. Io ritengo "speciali" quelle persone definite spesso "anormali"; "speciali" perchè, nonostante le difficoltà, hanno il coraggio di andare avanti e non arrendersi di fronte alle difficoltà da affrontare.

lorvenni maria giuseppa

Messaggi : 13
Data d'iscrizione : 02.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

OSCAR PISTORIUS

Messaggio  Giuseppina Trinchillo il Mar Nov 03, 2009 10:07 pm

Buonasera a tutti.
[b]Il video su Oscar Pistorius visionato in aula mi ha davvero colpito!Questo giovane atleta è riuscito a superare la propria disabilità grazie ad una grandissima forza d'animo,spirito di sacrificio e soprattutto tanta volontà ed ha dimostrato che tutti possono realizzare i propri obiettivi percorrendo strade differenti!E'importante inoltre sottolineare l' importanza delle tecnologie(protesi)che hanno permesso tutto questo Very Happy

Giuseppina Trinchillo

Messaggi : 10
Data d'iscrizione : 31.10.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

protesi vantaggio o svantaggio?

Messaggio  elenaamendola il Mar Nov 03, 2009 10:51 pm

ciao io sono Elena e la prima reazione che ho provato nel vedere il video è stata "strana" perchè ho pensato che le paraolimpiadi sembravano non aver seguito quel percorso di INTEGRAZIONE che hanno portato le scuole speciali ad essere abbandonate a favore dell'integrazione dei bambini disabili all'interno delle classi. Mi rendo conto che in alcuni casi è forse impossibile far gareggiare i disabili con i normodotati, ma penso che in ogni caso laddove lo desiderino devono essere lasciati liberi di provarci. Per quel che riguarda le protesi io non so se siano un vantaggio o meno: secondo il pensiero del prof. Sibilio non lo sono (perchè il vantaggio sul rettilineo viene perso nelle curve e durante la partenza quando la protesi, al contrario di un piede, non si adatta con altrettanta facilità al cambiamento della strada). Io però non posso credere che delle protesi che si apprende con fatica e dolore ad utilizzare siano meglio delle nostre gambe... per cui IO APPOGGIO PISTORIUS . Buona serata a tutte. clown
avatar
elenaamendola

Messaggi : 17
Data d'iscrizione : 03.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Pistorius

Messaggio  Maria Palladino il Mar Nov 03, 2009 11:55 pm

Salve a tutti! Il video Pistorius mi ha trasmesso tristezza e tanta forza ! Tristezza in quanto penso che la disabilità è sofferenza !Forza perchè nonostante tale incapacità di muoversi è possibile ,grazie alle protesi, svolgere attività che si desiderano.Le protesi sono senz'altro un vantaggio . E permettono di sentirsi , anche se non del tutto in quanto la disabilità non si può cancellare, uguali agli altri! A Pistorius come ad altri le protesi hanno dato la possibilità di realizzare sogni.

Maria Palladino

Messaggi : 16
Data d'iscrizione : 03.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

OSCAR PISTORIUS

Messaggio  Maria Ciccarelli il Mer Nov 04, 2009 8:37 am

In una delle sue interviste Pistorius afferma che fin da bambino sognava di poter correre con le sue protesi e poter battere i normodotati. La domanda che subito mi sono posta é:perchè tra tanti traguardi,forse più semplici da raggiungere,Pistorius sognava quello più complesso?
La risposta a questa domanda l'ho trovata in una sua affermazione:< Non sono una persona disabile;sono semplicemente una persona senza le gambe>. Pistorius possiede un talento eccezionale che si sarebbe manifestato "con o senza le gambe".
Nel suo caso possiamo veramente dire che,dopo le varie difficoltà che ha dovuto affontare nel corso della sua vita,lo svantaggio non è più il suo,ma quello degli altri......

Maria Ciccarelli

Messaggi : 10
Data d'iscrizione : 03.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: lezione 1: ven. 30 ottobre II lab. (tema: PISTORIUS)

Messaggio  mariannacacialli il Mer Nov 04, 2009 9:24 am

Buongiorno a tutti.
La storia di questo coraggioso atleta per un verso mi rincuora e mi fà riflettere su quanto la forza di volontà nella vita sia un motore eccezionale capace si smuovere ogni cosa, dall' altro mi lascia un pò di amaro in bocca il dover pensare a quanti sacrifici ha dovuto fare quest' uomo.
Anche quando ha creduto di aver raggiunto il suo traguardo, gareggiare con i normodotati, l' atleta si è visto svanire un sogno ma ciò nonostante non si arreso.
Che dire, io e tanti noi altri "NORMODOTATI" ci saremmo fermati molto prima e ci saremmo scoraggiati molto di più davanti ad ostacoli ben più piccoli.
Guardiamo al nostro atleta e impariamo a combattere per i nostri ideali come lui!
avatar
mariannacacialli

Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 03.11.09
Età : 39
Località : Napoli

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: lezione 1: ven. 30 ottobre II lab. (tema: PISTORIUS)

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum