lezione 5 - LAB 20 NOV - PC A COMANDO VOCALE E DOMOTICA

Pagina 1 di 8 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente

Andare in basso

lezione 5 - LAB 20 NOV - PC A COMANDO VOCALE E DOMOTICA

Messaggio  Admin il Dom Nov 22, 2009 6:13 pm

Trascrivi qui i tuo commento del 20 novembre.
la docente


20 NOV PC A COMANDO VOCALE E DOMOTICA

DOMOITICA e DISABILITà La vita di Andrea
https://www.youtube.com/watch?v=wBGhpZ0nvnA


PC A COMANDO VOCALE
http://it.youtube.com/watch?v=QLubrr-IXHE

AUSILI PER DISABILI
http://it.youtube.com/watch?v=0BTB0va_MnQ&feature=related


Ultima modifica di Admin il Lun Nov 23, 2009 5:57 pm, modificato 1 volta
Admin
Admin
Admin

Messaggi : 64
Data d'iscrizione : 22.10.09
Età : 44
Località : NAPOLI

Visualizza il profilo http://brigantilab2009.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

domotica e disabilità

Messaggio  valeria gargiulo il Dom Nov 22, 2009 8:25 pm

Uno degli argomenti trattati in questi giorni è stato quello relativo alla domotica e alla disabilità....ma innanzitutto cos' è la domotica? La ricerca di soluzioni ideali ha intrecciato da anni il suo percorso con la tecnologia nella realizzazione di soluzioni che avvicinassero la persona con disabilità all'ambiente a lui circostante, oppure creando la possibilità di estendere le abilità della persona, attraverso opportuni ausili. E' nata una nuova disciplina, la DOMOTICA intesa come integrazione di prodotti e servizi per la gestione ed il controllo della casa. Per una persona con disabilità le apparecchiature tecnologiche non hanno senso "isolate" dal contesto della casa. Disporre di un SISTEMA UNICO che possa comprendere tutte le funzioni di comunicazione ed autonomia che la persona necessita, è l'obiettivo della DOMOTICA.
Attraverso l'approccio alla DOMOTICA da parte delle persone disabili, si innescherà un processo attraverso il quale l'utente imparerà a comprendere i propri bisogni, ed a stabilire obiettivi in relazione ad essi, a formulare progetti mirati al raggiungimento dei tali obiettivi e di prendere poi iniziativa per realizzarli ;ciò consente di diffondere la cultura dell'ambiente creato a misura d'uomo, cioè di ogni persona, sia quella in grado di utilizzare tutte le proprie risorse fisiche e mentali, sia per chi può contare solo su parte di queste.
E' il momento di fronteggiare la disabilità in modo attivo, con mezzi che il futuro ci offre. In questi giorni in aula la professoressa ci ha dato la possibilità di guardare dei video interessanti; ciò che maggiormente mi ha colpito in questi ultimi, è l'importanza che assume la tecnologia garantendo l'interazione che diventa nescessaria tra disabili e mondo esterno, anche se tali tecnologie purtroppo non sono alla portata di tutti, come ad esempio il video che mostrava il ragazzo disabile che era riuscito a vivere da solo grazie ad ausiili speciali. Ciò che vorrei poi aggiunere è un parere in relazione ad un altro video altrettanto interessante...un uomo sulla sedia a rotelle che ci spiegava la condizione dei disabili....egli si ritiene fortunato, perchè è sposato, ha figli, ma rifletteva sul come facessero persone che sono in una situazione peggiore rispetto alla sua...come si fa a vivere se si hanno difficoltà ad attraversare la strada o a prendere un pullman o addirittura a vivere con una pensione bassissima....?! C'è stata una frase che tengo a riportare ora all' interno forum, perchè credo dovremmo riflettere su di essa...quest' uomo ha infatti aggiunto, che le persone solitamente dicono che i disabili sono fortunati perchè hanno tutto a loro disposizione...beh questa frase ci aiuti a riflettere....io mi chiedo se su questa terra siamo veramente tutti UOMINI...scratch:

valeria gargiulo

Messaggi : 21
Data d'iscrizione : 30.10.09
Età : 32
Località : Piano di Sorrento

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

domotica e disabilità

Messaggio  maddalena garzone il Dom Nov 22, 2009 9:07 pm

valeria gargiulo ha scritto:Uno degli argomenti trattati in questi giorni è stato quello relativo alla domotica e alla disabilità....ma innanzitutto cos' è la domotica? La ricerca di soluzioni ideali ha intrecciato da anni il suo percorso con la tecnologia nella realizzazione di soluzioni che avvicinassero la persona con disabilità all'ambiente a lui circostante, oppure creando la possibilità di estendere le abilità della persona, attraverso opportuni ausili. E' nata una nuova disciplina, la DOMOTICA intesa come integrazione di prodotti e servizi per la gestione ed il controllo della casa. Per una persona con disabilità le apparecchiature tecnologiche non hanno senso "isolate" dal contesto della casa. Disporre di un SISTEMA UNICO che possa comprendere tutte le funzioni di comunicazione ed autonomia che la persona necessita, è l'obiettivo della DOMOTICA.
Attraverso l'approccio alla DOMOTICA da parte delle persone disabili, si innescherà un processo attraverso il quale l'utente imparerà a comprendere i propri bisogni, ed a stabilire obiettivi in relazione ad essi, a formulare progetti mirati al raggiungimento dei tali obiettivi e di prendere poi iniziativa per realizzarli ;ciò consente di diffondere la cultura dell'ambiente creato a misura d'uomo, cioè di ogni persona, sia quella in grado di utilizzare tutte le proprie risorse fisiche e mentali, sia per chi può contare solo su parte di queste.
E' il momento di fronteggiare la disabilità in modo attivo, con mezzi che il futuro ci offre. In questi giorni in aula la professoressa ci ha dato la possibilità di guardare dei video interessanti; ciò che maggiormente mi ha colpito in questi ultimi, è l'importanza che assume la tecnologia garantendo l'interazione che diventa nescessaria tra disabili e mondo esterno, anche se tali tecnologie purtroppo non sono alla portata di tutti, come ad esempio il video che mostrava il ragazzo disabile che era riuscito a vivere da solo grazie ad ausiili speciali. Ciò che vorrei poi aggiunere è un parere in relazione ad un altro video altrettanto interessante...un uomo sulla sedia a rotelle che ci spiegava la condizione dei disabili....egli si ritiene fortunato, perchè è sposato, ha figli, ma rifletteva sul come facessero persone che sono in una situazione peggiore rispetto alla sua...come si fa a vivere se si hanno difficoltà ad attraversare la strada o a prendere un pullman o addirittura a vivere con una pensione bassissima....?! C'è stata una frase che tengo a riportare ora all' interno forum, perchè credo dovremmo riflettere su di essa...quest' uomo ha infatti aggiunto, che le persone solitamente dicono che i disabili sono fortunati perchè hanno tutto a loro disposizione...beh questa frase ci aiuti a riflettere....io mi chiedo se su questa terra siamo veramente tutti UOMINI...scratch:
Ciao Valeria sono pienamente d'accordo sulla possibilità che l'avanzata tecnologia offre ai disabili di poter interagire con il mondo circostante e renderli autonomi , questo genera totale soddisfazione personale , ciò è stato evidente nel video mostrato in aula dove si leggeva felicità negli occhi del disabile.Grazie a questo corso ho avuto modo di conoscere questo "mondo della domotica" , non ne sapevo l'esistenza ....D'atra parte ci si domanda una casa così come è stata vista nel video potrebbe essere realizzata da tutti ?Può essere una possibilità solo per alcuni mentre per altri anche le piccole attività diventano grandi difficoltà.

maddalena garzone

Messaggi : 33
Data d'iscrizione : 04.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

DISABILI E DISABILITA’ A FIRENZE

Messaggio  gilda cecoro il Dom Nov 22, 2009 9:34 pm

Dai video emerge un chiaro grido al cambiamento, troppi sono ancora gli ostacoli contro cui urtano i diversamente abili. Non sono solo barriere architettoniche materiali ma soprattutto “mentali”. Ebbene queste devono essere abbattute, perché solo così si potrà dare adito al miglioramento e al vero e concreto inserimento per tutti. Giuste e molto crude sono state le riflessioni di Pancani sulla scuola, in particolare sulla figura dell’insegnante di sostegno e del presunto miglioramento per il diversamente abile. Allora invito a riflettere sulla frase da lui citata e propongo una classifica di responsi e cioè: esiste un inserimento come integrazione per l’ alunno diversamente abile o invece un inserimento come parcheggio, come mera occupazione di un posto o di un banco? A voi tutte un giudizio …
gilda cecoro
gilda cecoro

Messaggi : 35
Data d'iscrizione : 14.11.09
Età : 35
Località : San Cipriano d'Aversa (CE)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

disabili e disabilità a firenze

Messaggio  elisabetta cecoro il Dom Nov 22, 2009 9:38 pm

Dal video inerente l’intervista ad Alessio Pancani, mi ha colpito il suo modo e la sua energia, il non abbattersi di fronte a questi ostacoli che la società purtroppo impone. Si parla di inserimento lavorativo, ma con 250 euro mensili credo proprio che non può una persona, in particolare un diversamente abile, arrivare a fine mese. E allora la rabbia nei confronti dello Stato che promette, promette e ancora promette cambiamenti. Si vedranno? Ci sarà un reale ed equo inserimento sociale per tutti? …
elisabetta cecoro
elisabetta cecoro

Messaggi : 28
Data d'iscrizione : 14.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

DISABILI E DISABILITA’ A FIRENZE

Messaggio  Loreto Veronica Valeria il Dom Nov 22, 2009 9:43 pm

La cosa che mi ha fatto realmente riflettere e che mi ha portato a chiedermi: ma in quale società viviamo? È stato quando alla domanda fatta dal giornalista per quanto riguarda l’assegno di accompagnamento, Pancani ha risposto che è di 460 euro mensili ma non può pagare una badante, visto che ne richiederebbe come stipendio il doppio. Allora scusate ma quale miglioramento, quale integrazione, quali diritti per tutti … ma …
Loreto Veronica Valeria
Loreto Veronica Valeria

Messaggi : 29
Data d'iscrizione : 30.10.09
Età : 34
Località : Afragola(na)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

venerdi 20 novembre

Messaggio  elena gigliotti il Dom Nov 22, 2009 10:00 pm

Salve a tutti, così come ho detto in aula a proposito del secondo video visionato, ho provato grande gioia e tenerezza di fronte la grande felicità di quel giovane disabile che grazie ad una casa attrezzata dalla domotica, poteva vivere autonomamente. Di fronte al "pietismo" di alcuni miei colleghi, che provavano tristezza nel veder vivere un disabile solo, io mi chiedo, ma che cosa stiamo a fare al corso di didattica speciale? qui ci insegnano, ci parlano di politiche sociali di inserimento dei disabili, di fare in modo che essi siano integrati in una società nella quale possano essere il più autonomi possibile e allora perchè provare tristezza di fronte alla gioia di uno di loro che è riuscito a conquistare il proprio spazio? e' vero che la domotica non è alla portata di tutti, bisognerebbe piuttosto lottare affinché le cose cambino, affinché non ci siano disabili di serie "a" e disabili di serie "b", su questo sono pienamente d'accordo, ma provare tristezza no, non mi sembra giusto ciò, perchè provare tale sentimento significherebbe per me trattarli come diversi. Very Happy
elena gigliotti
elena gigliotti

Messaggi : 18
Data d'iscrizione : 30.10.09
Età : 51
Località : napoli

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: lezione 5 - LAB 20 NOV - PC A COMANDO VOCALE E DOMOTICA

Messaggio  giovanna.chianese il Dom Nov 22, 2009 10:14 pm

elena gigliotti ha scritto:Salve a tutti, così come ho detto in aula a proposito del secondo video visionato, ho provato grande gioia e tenerezza di fronte la grande felicità di quel giovane disabile che grazie ad una casa attrezzata dalla domotica, poteva vivere autonomamente. Di fronte al "pietismo" di alcuni miei colleghi, che provavano tristezza nel veder vivere un disabile solo, io mi chiedo, ma che cosa stiamo a fare al corso di didattica speciale? qui ci insegnano, ci parlano di politiche sociali di inserimento dei disabili, di fare in modo che essi siano integrati in una società nella quale possano essere il più autonomi possibile e allora perchè provare tristezza di fronte alla gioia di uno di loro che è riuscito a conquistare il proprio spazio? e' vero che la domotica non è alla portata di tutti, bisognerebbe piuttosto lottare affinché le cose cambino, affinché non ci siano disabili di serie "a" e disabili di serie "b", su questo sono pienamente d'accordo, ma provare tristezza no, non mi sembra giusto ciò, perchè provare tale sentimento significherebbe per me trattarli come diversi. Very Happy

Ciao Elena,
sono d'accordo con te, è giusto che queste persone vivano una vita autonoma come facciamo noi,anzi penso che bisogna lottare di più per garantirla a costo zero. Vivere è un dono, ma farlo in modo decente è un diritto di tutti.

giovanna.chianese

Messaggi : 28
Data d'iscrizione : 13.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

lezione 5

Messaggio  Carolina Nermettini il Dom Nov 22, 2009 10:16 pm

Buonasera a tutti,
la Prof. ci ha dato la possibilità di guardare diversi video interessanti
che esaltano l'importanza della tecnologia; la tecnica come rimedio alla insufficienza
biologica, infatti il ragazzo disabile è riuscito attraverso l'utilizzo di un pc a comando
vocale ad essere autonomo, libero.
La libertà è un concetto su cui vorrei riflettere un attimo!!!
A quanti di voi sarà capitato di ammalarsi e dover per forza dipendere da un'altra persona?
Pensiamo alla vita di un disabile e se questo non avesse nessuno che potrebbe occuparsi di lui?
Ecco che emerge nuovamente l'aspetto economico (pagare una badante), ma non vorrei soffermarmi su questo,
discusso ampiamente in classe, volevo soltanto esprimere quanto sia importante non solo l'aspetto
esteriore ma interiore. Si sente davvero bene dentro il disabile con tutte le tecnologie, gli ausili e la domotica?

Carolina Nermettini

Messaggi : 14
Data d'iscrizione : 31.10.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

labor 5 del 20 novembre

Messaggio  giovanna.chianese il Dom Nov 22, 2009 10:53 pm

Buonasera a tutti,
durante il laboratorio di venerdì, sono stati mostrati tre video che hanno in comune i progressi della tecnologia, e di come grazie a questi si può vivere autonomamente pur avendo disabilità.
Quello che però mi sono chiesta, quando la prof ci ha invitati a dire cosa pensavamo, riguardava sia i costi eccessivi non alla portata di tutti, sia alla conoscenza di queste tecnologie visto che non tutti ne sanno l'esistenza.
A mio avviso bisognerebbe informare e pubblicizzare di più, offrendo a queste persone la possibilità di sceglire di vivere una vita autonoma oppure no.

giovanna.chianese

Messaggi : 28
Data d'iscrizione : 13.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: lezione 5 - LAB 20 NOV - PC A COMANDO VOCALE E DOMOTICA

Messaggio  fabiana capoluongo il Dom Nov 22, 2009 11:07 pm

buona sera a tutti .
la lezione di venerdi e stata per me molto significativa prima perchè vedendo il video ho conosciuto un nuova disciplina la domotica. Essa infatti è una disciplina che si occupa dell’integrazione dei dispositivi e degli impianti presenti in un edificio, facilitandone l’automazione ed incrementando la capacità di controllo da parte dell’utente. Oltre ai vantaggi in termini di comfort, sicurezza, è sempre più evidente l’interesse sociale del suo impiego a favore dei disabili, al fine di migliorarne la qualità della vita e soprattutto in termini di grado di autonomia, aiutandoli a superare le difficoltà motorie, sensoriali e intellettive:infatti queste persone, oltre al bisogno di comunicare, hanno bisogno di strumenti (ausili) per recuperare autonomia nella vita quotidiana e capacità produttiva in campo lavorativo. Gli ausili tecnici possono consentire una maggiore autonomia a disabili , nel senso sia dell’automazione della casa, sia dell’integrazione con sistemi di teleassistenza e telecontrolloa
Quindi la tecnologia attraverso questa disciplina puo rendere felice tante persone disabili come ad esempio il persona disabile del video visto in classe che avendo la casa attrezzata dalla domotica si sentiva autonomo, felice , integrato con gli altri ecc. Però come in tutte le cose c' è sempre un fatto negativo e in questo caso il fattore negativo sta nel fatto che la domeotica non è alla portata di tutti ,quindi nn tutte le persone disabili posso essere felici e autonomi e questo nn va bene perchè la vita è una sola e tutti dobbiamo viverla in maniera autonoma.
fabiana capoluongo
fabiana capoluongo

Messaggi : 14
Data d'iscrizione : 13.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

tecnologia

Messaggio  anna.avallone il Dom Nov 22, 2009 11:34 pm

Ciao a tutte, visionando i 3 filmati in aula ho pensato che ancora una volta la tecnologia va in aiuto alle persone con disabilità. La tecnologia credo che sia un arricchimento che permetta ai diversamente abili di avere la possibilità di vivere relazioni sociali e di avere opportunità comunicative come abbiamo visto nel primo filmato sull' uso del PC a comando vocale. Per la domotica, come ho già scritto in un altro intervento, voglio sottolineare che essa non è per tutti e porta a creare disabili di serie A e quelli di serie B. La domotica, e la tecnologia di un certo prezzo, quindi è un vantaggio o crea ulteriori svantaggi per chi non se lo può permettere? Crying or Very sad
anna.avallone
anna.avallone

Messaggi : 20
Data d'iscrizione : 31.10.09
Età : 37
Località : napoli

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

la domotica

Messaggio  leonarda savarese il Lun Nov 23, 2009 12:16 am

La domotica è una scienza che si occupa di sistemi per automatizzare l'abitazione e facilitare molte delle attività che vengono svolte in casa.Nata per allietare qualche facoltoso,oggi è diventata un'arma indispensabile per quei disabili motori che vogliono riappropriarsi dell'autonomia.Spesso infatti, a seguito di traumi fortemente invalidanti,le persone si trovano nella condizione di dover dipendere interamente dai familiari o, nei casi meno fortunati,da sconosciuti per svolgere quelle attività che da sempre hanno costituito la quotidianità di un individuo.Questo determina una perdita di autostima, la quale rende più lungo e complesso il processo riabilitativo-integrativo.Le opportunità che offre la domotica sono di diverso genere e sono utili per far sorridere e aumentare l'autonomia di chi,come l'uomo del filmato,è riuscito in parte a riappropriarsi della propria vita.L'unico handicap e grave è il costo elevato.

leonarda savarese

Messaggi : 14
Data d'iscrizione : 13.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Lezione 5

Messaggio  Cillo Nadia il Lun Nov 23, 2009 2:14 am

Sono pienamente d'accordo nel sostenere che la tecnologia potenzialmente è positiva ma occorre farne un buon uso!!! ... ecco in questi casi l'utilizzo che se ne fa merita veramente tutta la nostra attenzione e riconoscenza .... se, come in questi filmati visti in aula, può rendere più gratificante la vita di una persona disabile, permettendogli di essere autonomo, ben vada avanti, a gonfie vele, la tecnologia!!! Very Happy

Cillo Nadia

Messaggi : 40
Data d'iscrizione : 05.11.09
Località : FORMIA (LT)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: lezione 5 - LAB 20 NOV - PC A COMANDO VOCALE E DOMOTICA

Messaggio  Angela de Cristofaro il Lun Nov 23, 2009 2:39 am

La domotica come si è detto garantisce condizioni di vita ottimali e rende più agevole e comoda la vita delle persone...si ma sempre in luoghi chiusi!!Il disabile è una persona e come tale ha tutti i diritti di vivere una vita sociale e stare in mezzo ad altre persone.La tecnologia come ho ribadito più volte ha fatto passi da gigante creando cose fantastiche per garantire una vita migliore soprattutto al disale..sulla domotica c'è ancora molto da dire,da discutere e chiarire!
Angela de Cristofaro
Angela de Cristofaro

Messaggi : 20
Data d'iscrizione : 31.10.09
Età : 33
Località : aversa (CE)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: lezione 5 - LAB 20 NOV - PC A COMANDO VOCALE E DOMOTICA

Messaggio  angela grammaldo il Lun Nov 23, 2009 9:59 am

La visione dei video ha confermato il mio precedente parere già espresso in un'altra risposta...
se e quando la tecnologia permette di vivere l'indipendenza ad un disabile che ne abbia voglia, gioisco dei progressi tecnologici e dell'impiego che se ne fa...
Al contrario, dei robot in grado di portarci il caffè a letto (presentati in una recente mostra anche a città della scienza) ne faccio VOLENTIERI a meno.

angela grammaldo

Messaggi : 17
Data d'iscrizione : 31.10.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

re:domotica

Messaggio  Landa Teresa il Lun Nov 23, 2009 10:18 am

Buongiorno, anche io come tante altre persone non ero a conoscenza della domotica.A dire il vero ,il filmato , mi ha affascinata, nel vedere come, grazie a questi ausili si possa realmente realizzare una casa a misura della persona diversamente abile,in modo che possa vivere la sua vita in maniera più autonoma e dignitosa.La cosa però su cui mi sono soffermata a riflettere è stata:QUANTE PERSONE HANNO LA POSSIBILITA' DI POTER REALIZZARE QUESTO"SOGNO"?!.
In realtà il tutto mi è sembrato come se aprisse un ulteriore divario tra chi "può" e chi "non può",che porta nella seconda ipotesi a sentirsi ancora una volta meno fortunati e diversi....
Credo che siamo ancora troppo lontani dalla possibilità di poter fornire queste innovazioni a tutti, sono ancora tanti gli ostacoli da superare e non solo di ordine economico ma anche e soprattutto di ordine morale e sociale.
Landa Teresa
Landa Teresa

Messaggi : 12
Data d'iscrizione : 17.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Domotica

Messaggio  Iazzetta Annunziata il Lun Nov 23, 2009 10:34 am

Buongiorno a tutti!Tra i video che abbiamo visto in aula quello su cui la mia attenzione si è focalizzata maggiormente è stato il secondo.
Ho notato quanto siano stati rilevanti ed efficienti i progressi svolti dalla tecnologia attuale che dà grandi e fondamentali opportunità di realizzazione personale e vita sociale autonoma ai disabili.
E' da sottolineare,però,che non tutti hanno la reale possibilità economica di acquistare "case così perfette",ma per me fondamentale è la conoscenza delle innovazioni per disabili e,soprattutto, la diffusione di esse nella società per poter lottare per un mondo nuovo:un mondo UGUALE e AUTONOMO per tutti!
Iazzetta Annunziata
Iazzetta Annunziata

Messaggi : 35
Data d'iscrizione : 30.10.09
Età : 32
Località : napoli

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

laboratorio 20 novembre

Messaggio  Lucia D'Auria il Lun Nov 23, 2009 11:25 am

Venerdì sera quando sono tornata a casa ,ho raccontato a mio fratello ( tecnico sanitario di radiologia presso ll’ASL 2 di Eboli) , tutti gli argomenti che avevamo trattati durante la lezione, cioè degli ausili per disabili NEW LIFE convenzionati con le ASL e le funzionalità della casa domotica, non mi vergogno a dirlo, ma mio fratello è cascato dalle nuvole!!!! Credo che ci sia poca informazione dell’esistenza e uso di tecnologie abilitanti e compensative che al di là delle problematiche emerse durante la conversazione in aula ritengo che siano indispensabili perché comunque ed in ogni caso facilitano e migliorano la vita della persona disabile. Ciascuna di noi durante il corso ha sviluppato maggiore sensibilità e conoscenza verso queste problematiche, incominciamo nel nostro piccolo a diffondere queste informazioni….e poi pietra su pietra si incomincerà a costruire qualcosa di positivo!

Lucia D'Auria

Messaggi : 18
Data d'iscrizione : 02.11.09
Età : 52
Località : Eboli (SA)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

domotica e disabilità

Messaggio  Daniela Mermati il Lun Nov 23, 2009 11:52 am

Dopo la visione dei filmati in aula sono sempre piu' convinta del fatto che la ricchezza della telematica stia nelle persone che popolano le reti, e non nella potenza degli strumenti utilizzati per collegarsi..
Ho potuto constatare che i calcolatori e le reti telematiche possono diventare dei potentissimi strumenti di espressione e di comunicazione per persone che utilizzando computer e modem possono abbattere i limiti dovuti alla loro disabilità.
Purtroppo quello degli utenti disabili non e' un mercato abbastanza ghiotto per spingere le industrie e le case produttrici di programmi a tener conto delle esigenze di chi non puo' usare un mouse o di chi non puo' vedere le "finestre" aperte sullo schermo del suo computer. Per questo motivo gli standard che si affermano introducono delle barriere tecnologiche di cui spesso non ci accorgiamo.
Oggi, credo che l'informatica e la telematica offrano moltissime possibilita' di valorizzare persone disabili, che "in rete" sono difficilmente distinguibili dai cosiddetti "normodotati".Penso però che, nello stesso tempo, il computer e le reti telematiche si trovano ora su una sottile linea di confine. Da una parte c'e' la telematica degli standard, del mercato, di cio' che si vende di piu', che rischia di dimenticare o peggio di penalizzare persone che in altri contesti potrebbero essere una grande ricchezza per tutti. Dall'altra ci sono dei ponti tecnologici, c'e' la telematica a misura d'uomo, la telematica che permette di abbattere tutto cio' che ci separa dall'incontro con gli altri. .

Daniela Mermati

Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 01.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

domotica e disabilità

Messaggio  RosaGatto il Lun Nov 23, 2009 12:43 pm

Nonostante la tecnologia,sempre piu' avanzata,è presente nella maggior parte delle case,non tutti hanno la possibilità di accoglierla...pero' essa ci permette di avvicinarci maggiormente alla realtà(poichè tutto ormai è tecnologico) e sopratutto permette ai disabili di vivere piu' autonomamente e liberamente.Infatti dal video visionato in aula davvero sono rimasta meravigliata e contenta per la felicità provata dal giovane disabile grazie ad una casa attrezzata dalla domotica che gli ha permesso di divenire"piu' autonomo"!Credo che il lavoro da fare per rendere i disabili persone "migliori"sia ancora tanto,ma d' altra parte stiamo proseguendo per la strada giusta!!!!!

RosaGatto

Messaggi : 14
Data d'iscrizione : 05.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

domotica

Messaggio  angela bruno il Lun Nov 23, 2009 2:07 pm

durante le lezioni la professoressa ci ha fatto osservare alcuni video inerenti la domotica e rivedendoli ora mi sono resa conto di quanto questa tecnologia con apparecchiature e sistemi sia in grado di svolgere funzioni parzialmente autonome e di come sia riuscita a migliorare la qualità della vita di persone con delle disabilità.

angela bruno

Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 22.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

re

Messaggio  concetta la rocca il Lun Nov 23, 2009 4:23 pm

GRAZIE ALLA DOMOTICA E' POSSIBILE MIGLIORARE LA VITA DI MOLTI DISABILI, PURTROPPO LA MAGGIOR PARTE NON PUO' ANCORA ACCEDERVI, MA SPERO CHE SUCCESSIVAMENTE VENGA ELARGITA AI PIU', ATTRAVERSO UN SISTEMA LEGISLATIVO CHE TENGA CONTO DI QUESTI PARTICOLARI BISOGNI
concetta la rocca
concetta la rocca

Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 08.11.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Roberta Colmayer

Messaggio  Roberta Colmayer il Lun Nov 23, 2009 4:45 pm

Personalmente i video di oggi mi hanno fornito lo spunto per numerose riflessioni, foase anche contradittorie tra loro.
La prima riflessione da fare è che, effettivamente, la tecnologia sta facedo davvero dei passi da gigante, consentendo a tutti noi,spesso, di vivere una vita più dignitosa.
Si pensi, ad esempio, al primo video visionato oggi in aula: grazie al pc con comando vocale un uomo completamente paralizzato ha potuto mandare e-mail, visitare pagine internet o formattare un testo...tutto ciò qualche anno fa sarebbe stato impensabile!
Se da una parte, però, ciò mi fa essere felcie per i traguardi raggiunti, dall'altra, ancora una volta, mi fa pensare a quanto siamo fortunati noi tutti per aver il dono di camminare, parlare, vedere, udire..insomma VIVERE! Si, è vero che persone come Andrea ( nel secondo video) sono riuscite a trovare una propria dimensione, una propria serentià, ma ce ne sono molte altre che risentono, giustamente, dei propri handicap e che non sono riuscite ad accettarli.
Soprattutto se (e con questo mi aggancio ad un'ulteriore riflessione) non ci sono le risorse economiche disponibili per affronatre certe spese...
é pur vero che molte aziende che forniscono attrezzature per disabili sono convenzionate con le a.s.l. ma, come emergeva dal dibattito in aula, non tutte le spese vengono risarcite.
Ho avuto esperienze del genere motlo vicine a me, nella mia famiglia e posso confermare che sono passati anni prima di avere una pensione di invalidità ( a decesso del soggetto già avvenuta) e che è dura affrontare situazione così problematiche, soprattutto se non ci sono le disponiblità economiche necessarie.
Roberta Colmayer
Roberta Colmayer

Messaggi : 13
Data d'iscrizione : 06.11.09
Località : san giorgio a cremano

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

La Domotica

Messaggio  MARIANNA DI CAPRIO il Lun Nov 23, 2009 4:55 pm

La domotica!Questa nuova disciplina è un’arma indispensabile per quei disabili motori molto gravi che vogliono riappropriarsi della loro autonomia. Troppo spesso, a seguito di traumi fortemente invalidanti, molte persone si trovano nella condizione di dover dipendere interamente dai familiari o, nei casi meno fortunati, da sconosciuti: dall’impossibilità di svolgere quelle attività che da sempre hanno costituito la quotidianità di un individuo, deriva quasi sempre una perdita profonda di autostima che rende sempre più lungo e complesso il processo riabilitativo. Proviamo per un istante a pensare a quante azioni, nell’arco della giornata, siamo talmente abituati a svolgere da non farci nemmeno più caso: apriamo la porta di casa per uscire e suoniamo il campanello per rientrare; accendiamo la luce quando fa buio e la spegniamo se vogliamo dormire; apriamo la finestra se sentiamo caldo e chiudiamo le tapparelle se scoppia un temporale; rispondiamo al telefono quando squilla o facciamo “zapping” con il telecomando della televisione quando siamo stufi dei soliti programmi trasmessi. Potremmo andare avanti per ore a citare innumerevoli cose: ma se un giorno non fossimo più in grado di svolgere da soli nemmeno la più semplice di esse? Quanto ci sentiremmo inutili e frustrati nel dover chiedere in continuazione: “Mi cambi canale per favore? Puoi abbassare il volume? Mi apri la porta del bagno?”, o se dovessimo telefonare ad un amico con qualcuno a fianco che ci tiene la cornetta e che, inevitabilmente, partecipa alla nostra telefonata. Fortunatamente la tecnologia mette oggi a disposizione innumerevoli sistemi per controllare l’ambiente domestico, alcuni di essi studiati appositamente per disabili, altri facilmente reperibili sul mercato.
MARIANNA DI CAPRIO
MARIANNA DI CAPRIO

Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 19.11.09
Età : 32
Località : Lusciano (CE)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: lezione 5 - LAB 20 NOV - PC A COMANDO VOCALE E DOMOTICA

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 8 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum